Vedi tutti gli eventi

COMUNICATO STAMPA - ESERCITAZIONE RAMOGEPOL 2021
martedì 1 giugno 2021

 

Nell'ambito dell'Accordo RAMOGE, la Prefettura maritima del Mediterraneo ha organizzato il 26 e 27 maggio un'esercitazione RAMOGEPOL di prevenzione e di risposta all'inquinamento lungo la costa orientale di Capo Corso, tra Macinaggio e il nord di Bastia.

Questa esercitazione "RAMOGEPOL 21" è stata organizzata in collaborazione con la Prefettura di Haute-Corse, e in collaborazione con i rappresentanti della Guardia Costiera e del Ministero della Transizione Ecologica e la Divisione della Polizia Marittima ed Aeroportuale del Governo di Monaco.

Attraverso la simulazione di un inquinamento accidentale in mare, l'obiettivo era quello di rafforzare la cooperazione e ottimizzare l'uso dei mezzi di intervento che possono essere mobilitati dai tre paesi che sono parti dell'Accordo.

In questo scenario, basato su eventi reali e già osservati, una petroliera danneggiata si è incagliata all'altezza della riserva naturale delle Isole Finocchiarola nelle prime ore del 26 maggio, causando un inquinamento da petrolio in questo ambiente con un fragile ecosistema situato di fronte al porto di Macinaggio.

Di fronte a un incidente di questo tipo, le autorità francesi, dopo aver lanciato le prime operazioni di valutazione e di intervento, hanno attivato il piano RAMOGEPOL che permette la mobilitazione, l'attuazione e il coordinamento di numerosi mezzi marittimi e aerei francesi (Marina nazionale francese, Gendarmeria, Affari marittimi, Dogane, SNSM, privati), monegaschi (Polizia marittima) e italiani (Guardia Costiera e Castalia). Inoltre, un aereo spagnolo e dei mezzi dell'Agenzia europea per la sicurezza marittima (EMSA) sono stati chiamati a partecipare a questa esercitazione.

In zona, a bordo della BSAA Pionnier, le azioni di risposta all'inquinamento sono state coordinate da un ufficiale del centro di competenza della marina francese per la lotta contro l'inquinamento (CEPPOL) e supportate per la prima volta dall'uso di droni, che hanno permesso di valutare l'evoluzione della situazione con il progredire dello scenario dell'esercitazione.

Nello spirito di ampliare la cooperazione a livello mediterraneo, l'Accordo RAMOGE aveva invitato osservatori dell'accordo sub-regionale di lotta contro l'inquinamento tra l’Algeria, il Marocco e la Tunisia, ma a causa delle condizioni sanitarie, la loro presenza non è stata purtroppo possibile. Lo sviluppo di sinergie con altri piani e accordi di cooperazione sub-regionale rimane al centro delle ambizioni future dell'Accordo.

La prossima esercitazione RAMOGEPOL si terrà nel 2022 e sarà organizzata dalla delegazione italiana.