Vedi tutti gli eventi

Monaco Ocean Week 2018
lunedì 23 aprile 2018

Workshop regionale sul monitoraggio e la gestione della proliferazione delle alghe nocive

 

                                                               

 

 

Questo workshop organizzato dall'Accordo RAMOGE e l'Agenzia Internazionale dell'Energia Atomica (AIEA, www.iaea.org) in partnership con, IOC-SCOR GlobalHAB (www.globalhab.info) ed il NOAA si è tenuto nell’ambito del Monaco Oceano Week dal 9 al 12 aprile 2018 al Museo Oceanografico di Monaco. Il workshop si è concentrato su tre argomenti principali: la sorveglianza delle specie bentoniche, la sorveglianza delle tossine nelle risorse marine ed i frutti di mare e l'epidemiologia.

Più di 60 partecipanti di cui degli scienziati e gestori costieri di più di 30 paesi, hanno partecipato ai progetti di cooperazione tecnica dell'AIEA in Asia-Pacifico, in Africa, in America latina e nei Caraibi. I Partecipanti e periti venuti di Algeria, Bangladesh, Brasile, Cile, Colombia, Costa Rica, Cuba, El Salvador, Fidji, Francia, Guatemala, Indonesia, Italia, Kuwait, Malaysia, Marshall, Maurice, Messico, Monaco, Nicaragua, Pakistan, Panama, Filippine, Seychelles, Spagna, Tailandia, Tunisia, Stati Uniti, Uruguay, Venezuela, Viet Nam e dell'Organizzazione delle Nazioni Unite FAO e l'OMS.

Prima della riunione, dei questionari sono stati distribuiti ai partecipanti per identificare le principali lacune così come gli attrezzi disponibili nelle loro regioni rispettive. Da queste risposte, i periti hanno potuto proporre degli esercizi di gruppo. Inoltre, una dimostrazione pratica ed un'analisi dei differenti metodi di campionario per le microalghe bentoniche sono potute essere presentati. Così il workshop ha contribuito a migliorare le competenze dei partecipanti che stabiliscono un programma di monitoraggio dei HAB tossici, in una prospettiva di valutazione dei rischi. Nel prolungamento del workshop, un esercizio di intercomparazione dei metodi di campionario sarà realizzato grazie ai set di sostrati artificiali distribuiti ai partecipanti. I partecipanti effettueranno dei prelevamenti nelle loro zone in confronto agli esemplari di sostrati naturali (macroalghe). I risultati aiuteranno ad illuminare i metodi di campionario e, se possibile, istituiranno degli attrezzi per le procedure normalizzate. L'esercizio è aperto all'insieme della comunità internazionale.